Site icon Ivinattieri

Moscato D’Asti: offerte e prezzi

Moscato D'Asti

Moscato D'Asti: offerte e prezzi

31 Recensioni analizzate.
1
Moscato d'Asti DOCG Turna Lunga Bel Colle 2022 0,75 ℓ
Moscato d'Asti DOCG Turna Lunga Bel Colle 2022 0,75 ℓ
2
Torlasco Confezione Regalo Bottiglie Moscato d'Asti Docg Vino Dolce - Confezione da 2 X 750 ml
3
MOSCATO d'Asti Fiore D'autunno 2021 Aresca
4
Moscato d'Asti DOCG Saracco Paolo 0,75 lt.
5
Coppo - Moscato d'Asti DOCG "Moncalvina" 2022 0,75 lt.
6
Scagliola - Moscato d'Asti DOCG "Volo di Farfalle" 2022 0,75 lt.
7
VALLEBELBO CANELLI MOSCATO D'ASTI DOCG 75 CL
8
FONTANA FREDDA MOSCATO D'ASTI DOCG LE FRONDE 2018 FONTANAFREDDA - 0.75 LT
9
Ca' d'Gal Moscato Asti Lumine 2021
10
Tenuta Il Falchetto Moscato d'Asti DOCG Tenuta del Fant

Introduzione al Moscato D’Asti: cos’è e come viene prodotto

Se sei un appassionato di vini, sicuramente avrai sentito parlare del Moscato D’Asti, un vino bianco dolce e frizzante che viene prodotto nell’omonima zona del Piemonte, nel nord Italia.

Il Moscato D’Asti è un vino particolare, che si differenzia dagli altri bianchi dolci per la sua freschezza e leggerezza, oltre che per il suo aroma intenso e fruttato.

Il segreto di questo vino sta nella varietà di uva utilizzata per la sua produzione: il Moscato Bianco, una uva molto profumata e aromatica, che viene coltivata da secoli nelle colline piemontesi.

Per la produzione del Moscato D’Asti, le uve vengono raccolte a mano e subito pressate per ottenere il mosto, che viene poi fermentato in autoclave, ovvero in grandi serbatoi di acciaio, a bassa temperatura.

In questo modo, il vino mantiene una parte del suo zucchero residuo, che gli conferisce la dolcezza tipica, e acquisisce un lieve effervescenza, grazie alla fermentazione naturale.

Come si degusta il Moscato D’Asti

Il Moscato D’Asti è un vino molto versatile, che si abbina bene con molti piatti, sia dolci che salati.

Grazie alla sua freschezza e alla sua leggerezza, è il vino ideale per accompagnare i dessert, soprattutto quelli a base di frutta fresca, come le fragole o le pesche.

Ma il Moscato D’Asti si presta anche ad essere servito come aperitivo, magari accompagnato da qualche stuzzichino salato, come olive o formaggi freschi.

Per gustare al meglio questo vino, è importante servirlo alla giusta temperatura: intorno ai 6-8 gradi, in modo da esaltare la sua freschezza e il suo aroma fruttato.

Inoltre, è consigliabile utilizzare calici stretti e alti, che consentono di concentrare i profumi del vino e di apprezzarne la complessità.

Conclusioni

Il Moscato D’Asti è un vino bianco dolce e frizzante, ideale per chi ama i sapori delicati e profumati.

Grazie alla sua freschezza e alla sua leggerezza, si presta ad essere abbinato a molti piatti, sia dolci che salati, e rappresenta un’ottima scelta per chi vuole concedersi un momento di relax con un vino dal gusto unico.

Se non lo hai mai assaggiato, ti consiglio di provarlo al più presto: sono sicuro che ti conquisterà con il suo aroma intenso e il suo sapore fruttato.

Proposte alternative e altri vini

Se sei un appassionato di vini bianchi, sai bene quanto sia importante scegliere il giusto abbinamento per esaltare al meglio i sapori e i profumi di ogni piatto. Ecco quindi 4 vini bianchi da non perdere, per un’esperienza di degustazione indimenticabile.

1. Sauvignon Blanc: originario della Loira, questo vino bianco è caratterizzato da un aroma intenso e fruttato, con note di agrumi, frutta tropicale e erbe aromatiche. Si abbina perfettamente a piatti a base di pesce e frutti di mare, ma anche a insalate e verdure fresche.

2. Chardonnay: uno dei vini bianchi più conosciuti al mondo, il Chardonnay si caratterizza per il suo sapore intenso e strutturato, con note di burro, nocciola e vaniglia. Si abbina bene a piatti ricchi di sapore, come pasta al sugo di pomodoro e formaggi stagionati.

3. Vermentino: originario della Sardegna, il Vermentino è un vino bianco fresco e fruttato, con un sapore delicato e una leggera nota salata. Si abbina perfettamente a piatti di pesce, ma anche a antipasti e primi piatti a base di verdure.

4. Pinot Grigio: originario dell’Alsazia, il Pinot Grigio è un vino bianco leggero e fresco, con un aroma delicato e un sapore fruttato. Si abbina bene a piatti leggeri, come insalate e verdure, ma anche a antipasti a base di salumi e formaggi.

Ovviamente, la scelta del vino dipende in larga parte dai gusti personali e dall’abbinamento con i piatti. Ma con questi 4 vini bianchi, avrai a disposizione un’ampia gamma di sapori e aromi, per soddisfare ogni palato e ogni esigenza culinaria.

Moscato D’Asti: abbinamenti e consigli

Il Moscato D’Asti è un vino bianco dolce e frizzante che si presta ad essere accompagnato a molti piatti, sia dolci che salati. Grazie alla sua freschezza e alla sua leggerezza, è l’ideale per i dessert, ma può essere abbinato anche a molti primi piatti e antipasti.

Per quanto riguarda i dessert, il Moscato D’Asti è perfetto da abbinare con dolci a base di frutta fresca, come le fragole, le pesche, le albicocche, o con dolci secchi come biscotti e pasticcini.

Per quanto riguarda i primi piatti, il Moscato D’Asti può essere abbinato a piatti a base di pasta fresca, come una pasta all’uovo condita con una salsa di frutti di mare o una salsa al limone. Inoltre, si presta anche ad essere accompagnato a risotti delicati, come quello alla zucca.

Per gli antipasti, il Moscato D’Asti si presta ad essere abbinato a formaggi freschi, come la ricotta o la mozzarella, e a salumi dolci, come il prosciutto crudo o il culatello.

In generale, il Moscato D’Asti è un vino molto versatile che si presta ad essere abbinato a molti piatti, sia dolci che salati. Tuttavia, è bene evitare piatti troppo piccanti o troppo speziati, che potrebbero coprire il sapore del vino. Inoltre, è importante servirlo alla giusta temperatura (intorno ai 6-8 gradi) per esaltare la sua freschezza e il suo aroma fruttato.

Exit mobile version